ciolo part

MONDIALE DI CORSA IN MONTAGNA

Domenica 29 settembre.

Ed eccoci qua, a descrivere brevemente quella che è stata la regina madre delle manifestazioni, nello sport che ci riguarda e non solo.

Brevemente, poichè riguardo a un evento di portata mondiale ci sarebbe tanto assai da narrare e scrivere, lo spazio a disposizione non lo consente e non si saprebbe chi e cosa privilegiare.

Comunque sia, il “XIX World Mountain Running”, per intenderci il Campionato Mondiale di Corsa in Montagna categoria Master, giunto alla diciannovesima edizione, quest’anno si è svolto nella splendida, naturale, selvaggia cornice del Ciolo, sulla litoranea Leuca -Otranto, un incantevole paesaggio tra mari e monti che ha stupito tutti, specie i tanti che sono giunti qui per la prima volta, provenienti dall’Italia e dall’Estero.

Erano tanti davvero, oltre un migliaio, con al seguito amici e familiari, un richiamo turistico notevole per quest’angolo del Salento.

E tra i numerosi concorrenti, in totale 933 arrivati, i titoli delle varie categorie se li sono contesi i tanti atleti provenienti da ogni dove. Nessun Salentino tra i neo Campioni del Mondo. Gli unici andati in podio sono: Gianluca Scarcia (il padre ideatore di questo Mondiale) per una medaglia di bronzo, e tra le donne Stefania Scatigna e Paola Bernardo, entrambe argento. Da notare. per la Scatigna è stato uno sfiorare il titolo in quanto la differenza con la prima è stata solo di poche decine di metri.

E veniamo a noi, ai dieci atleti in canotta gialla che hanno affrontato questa avventura.

La descriverà il cronista di turno, uno dei dieci protagonisti che hanno vissuto in maniera diretta questa gara mondiale. Passiamo il microfono a Rocco Antonio D’AMICO

Prima di narrare le mie impressioni su questo unico evento appena concluso, vorrei congratularmi, con complimenti veri, con gli altri baldissimi nove Atleti che mi hanno fatto compagnia in questa meravigliosa giornata sportiva!! Tutto cio’ va a favore del nostro Gruppo che, quando deve farsi vedere e sentire, lo fa!!! Nelle prossime gare tutto fa ben sperare ad un generale risveglio di partecipazioni massicce!!!

Ma torniamo al mio racconto: i 31 gradi nel canalone e sull’Aspro, sono stati tremendi ma non sufficientemente validi per frenare la nostra adrenalina e la infinita voglia di fare bene!!! ☝🏼 E fare bene non significa soltanto migliorare la prestazione tempistica,  ma principalmente, riuscire a finire una gara mozzafiato, come quella di oggi, senza danni!!☝🏼☝🏼

Nelle foto scattate durante i miei allenamenti si possono apprezzare le vere difficoltà nel correre,  per tutti i 10.9 km,  su spuntoni di roccia, arrampicate a “quattro zampe”, salite terribili e discese incontrollabili per dislivello e pericolosità!!!

Nel seguito una panoramica delle foto

WhatsApp Image 2019-10-04 at 17.38.07 WhatsApp Image 2019-10-04 at 17.38.08 WhatsApp Image 2019-10-04 at 17.38.09 WhatsApp Image 2019-10-04 at 17.38.10(1) WhatsApp Image 2019-10-04 at 17.38.10 WhatsApp Image 2019-10-04 at 17.38.11(1) WhatsApp Image 2019-10-04 at 17.38.11 WhatsApp Image 2019-10-04 at 17.38.12

 

Oggi, più che mai, mi  sento un Leone  per essere riuscito a gestire il dolore al flessore dx (ischio crurale) senza portarlo allo strappo e finire felicemente il Garone in un’ora e 34 minuti ( rispetto all’ora e 19 minuti ottenuto nell’ultimo allenamento del 20 Settembre). Concludo con le congratulazioni di noi magnifici 10 che oggi hanno fatto ben figurare la nostra nazione di fronte al Mondo: con il mio modesto tempo immaginiamo soltanto che sono arrivato 70° di categoria M55 di fronte al mondo intero!!!, E’ non e’ poco sentirsi al settantesimo posto a livello mondiale!!☝🏼☝🏼”.

Un racconto affascinante, che farebbe chiedere a chiunque non abbia partecipato, “io ce l’avrei fatta?”.

Tra gli altri nove nostri tesserati presenti al Ciolo, l’unica rappresentante femminile era Cecilia MELELEOche ha affrontato e concluso la sua gara con un più che onorevole sedicesimo posto di categoria.

Eccola, in un’istantanea durante un passaggio

cecil

 

E al maschile, anche oggi in montagna si sono distinti Luciano PANICO e Mauro NEGRO, ventunesimo e ventisettesimo rispettivamente.

Buone prestazioni anche per Milko MERAGLIA e Marcello NEGRO, al di sotto dell’ora e venti.

E spicca il debutto, non solo mondiale ma anche nell’ambito del nostro Gruppo, di Massimo D’URSO, buono il suo risultato in un’ora e ventotto.

Buoni anche i tempi di Daniele D’AMICO e Emanuele RICCHIUTO, al limite dell’ora e trenta.

Ed anche Antonio VIOLA, pur costretto a una sosta forzata, è riuscito a portare a termine questa bella, faticosa avventura.

In sequenza, alcune istantanee dei nostri atleti

daniel lucian marcel mas milk mass maur ricchiu rocco ant

 

Bene. Ed ora, archiviato il Mondiale e sperando di replicarlo quanto prima, si torna sulle strade del Salento Tour con il “V Trofeo dei Messapi ” di Cavallino, in programma domenica 6 ottobre con partenza alle nove.

E’ richiesta, come detto, una partecipazione massiccia.

M.C.

>>>>>CLASSIFICHE CIOLO