muro

MURO LECCESE, TOUR DES GEANTS

Domenica 15 settembre.

Clima estivo qui da noi, neve altrove, precisamente in Val d’Aosta.

Perchè questa premessa? Perchè quando si scrive Val d’Aosta si legge Roberto FRISULLO, autore di un’impresa sulle montagne durata oltre sei giorni, e di cui riferiremo tra un pò.

Il nostro calendario provinciale prevedeva Muro Leccese come tappa Salento Tour, con la “Stracittadina del Borgo“, all’edizione numero quindici, organizzata come sempre dal locale team “Amici Giallorossi”.

Il nostro Gruppo ha risposto alla grande (almeno se si considerano le magre delle ultime domeniche) per quanto riguarda le presenze, con tredici partecipanti.

Unica rappresentante femminile l’instancabile Presidente Maria Lucia VANTAGGIATO, quest’anno molto attiva e molto presente (quella di oggi è stata la sua tredicesima gara), e saldamente leader della classifica interna femminile.

Per il resto si è assistito ad importanti ritorni.

Tanto per cominciare, dopo un’intera estate da “latitanti”, sono tornati gli onnipresenti Marcello NEGRO e Alessandro MERAGLIA, coloro cioè che occupano le posizioni alte della classifica interna, compresi nei primi dieci, oggi tutti in gara. Vale a dire Luciano PANICO, Mauro NEGRO, Arcangelo NEGRO (per loro podio mancato ma buoni piazzamenti di categoria), Rocco Antonio D’AMICO, Antonio VIOLA, Vittorio BELLUCCI (tornato dopo quasi due mesi), Massimo COSTANTINI.

Altro gradito ritorno quello di Milko MERAGLIA (alla sua seconda gara dell’anno), di Giovanni FERRARO (al suo secondo rientro quest’anno), e Emanuele RICCHIUTO (prima gara da inizio anno).

Primo assoluto in classifica una vecchia conoscenza tra i top runners, Francesco Caliandro da Francavilla Fontana, del team DYNAMYK FITNESS. Altra top runner la prima assoluta delle donne, e cioè Paola Bernardo dell’Amatori Corigliano.

Domenica 22 settembre sarà Salento Gold a Calimera, con la “10 Km dei boschi“, organizzata dal team La Mandra del Presidente Cristian Bergamo. Start ore 9.30.

E, come promesso, rechiamoci in Val d’Aosta, dove si ode ancora l’eco delle montagne per la superlativa impresa di Roberto FRISULLO, che vive in Val d’Aosta ma che è sempre legato al paese natìo e ai nostri colori.

Partenza e arrivo da Courmayeur, percorso di 356 km con dislivello positivo di circa 27390 m, numerosi passaggi in altitudine, anche oltre i 3000 metri di quota con condizioni meteo che possono essere molto difficili (vento, freddo, pioggia, neve, ghiaccio). Il corridore deve prevedere di dover affrontare, tra una base vita e l’altra (circa 50km), diverse condizioni climatiche, in orari diurni e notturni. Sottovalutare la propria preparazione psico-fisica, l’abbigliamento e l’attrezzatura può portare a conseguenze estreme, anche letali!

Le suddette descrizioni sono tratte direttamente dal Regolamento ufficiale della competizione, il cui link è il seguente: https://www.tordesgeants.it/it/content/tor-des-géants®/regolamento-tor-des-géants®-2019, e servono a dare un’idea di cosa sia stato capace di affrontare il nostro Roberto. Che all’arrivo ha avuto appena un pò di fiato e forza residua per dichiarare: “finalmente sono tornato da questo bellissimo viaggio….duro molto duro e anche pericoloso, ho dormito 5 ore totali e perso oltre 5Kg”.

Da brividi, davvero. E semmai non bastasse si dia un’occhiata alle foto seguenti.

Tor-des-Géants-2019

Uno dei fantastici panorami che gli atleti possono vedere durante la gara, tra le montagne della Valle d’Aosta

 

rob 2rob

Roberto in gara, e subito dopo l’arrivo

 

Panorami bellissimi da vedere, ma il solo pensiero di affrontare certe vallate per 400 Km, compresi i dislivelli, impossibile da immaginare, davvero.

M.C.

>>>>>CLASSIFICA MURO L.